Gli eventi intorno alla locanda “Walliserkanne” a Zermatt (Svizzera) ci hanno profondamente scosso e fatto riflettere.
Non si tratta di sapere se l’iniziativa Animap è giusta, ma se la Svizzera è davvero ancora uno stato costituzionale? Quando i politici e i rappresentanti legali, sulla base di misure e ordinanze senza una base legale, aggrediscono fisicamente, feriscono e privano i loro simili della loro libertà, allora hanno davvero abbandonato lo stato di diritto e abbandonato il popolo all’arbitrio politico. I nostri pensieri sono con la famiglia imprigionata illegalmente.
A tutti coloro che sono stati complici di questa azione contro l’umanità, diciamo senza mezzi termini: “Vergognatevi!”.

Cosa cambia?
La constatazione che la Svizzera ha finalmente lasciato la strada dello stato di diritto ci ha spinto a cambiare le “condizioni” di partecipazione all’annuario aziendale ANIMAP. Ora tutti quegli imprenditori che sono critici o addirittura contrari alle misure politiche dei nostri governi possono essere elencati su ANIMAP. Nessun imprenditore dovrebbe mettersi in una zona grigia facendo questa dichiarazione. Perciò, d’ora in poi, ci asterremo dal fare una “promessa” di non effettuare alcun controllo dei certificati. Invece, le aziende partecipanti esprimono chiaramente che effettueranno questi controlli solo sotto costrizione e contro la loro libera volontà.

In questo modo, stiamo aprendo la strada a tutti coloro che finora si sono astenuti dal partecipare per paura di rappresaglie.
Vediamo quanti siamo veramente. Clicca qui per andare direttamente alla registrazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *